Bonifica amianto, rimozione eternit, nuove coperture e lattoneria

NON SOLO AMIANTO Soc. cooperativa, Cerro Maggiore (MI) – P.Iva 08256920961 – Albo Gestori Ambientali Lombardia n. MI49583 – Cat. 10A e 10B

Seleziona un comune di CREMONA :

Acquanegra Cremonese , Agnadello , Annicco , Azzanello , Bagnolo Cremasco , Bonemerse , Bordolano , Ca’ d’Andrea , Calvatone , Camisano , Campagnola Cremasca , Capergnanica , Cappella Cantone , Cappella de’ Picenardi , Capralba , Casalbuttano ed Uniti , Casale Cremasco-Vidolasco , Casaletto Ceredano , Casaletto di Sopra ,Casaletto Vaprio , Casalmaggiore , Casalmorano , Castel Gabbiano , Casteldidone , Castelleone , Castelverde , Castelvisconti , Cella Dati , Chieve , Cicognolo , Cingia de’ Botti , Corte de’ Cortesi con Cignone , Corte de’ Frati , Credera Rubbiano , Crema , Cremona , Cremosano , Crotta d’Adda , Cumignano sul Naviglio , Derovere , Dovera , Drizzona , Fiesco , Formigara , Gabbioneta-Binanuova , Gadesco-Pieve Delmona , Genivolta , Gerre de’ Caprioli , Gombito , Grontardo , Grumello Cremonese ed Uniti , Gussola , Isola Dovarese , Izano , Madignano , Malagnino , Martignana di Po , Monte Cremasco , Montodine , Moscazzano , Motta Baluffi , Offanengo , Olmeneta , Ostiano , Paderno Ponchielli , Palazzo Pignano , Pandino , Persico Dosimo , Pescarolo ed Uniti , Pessina Cremonese , Piadena , Pianengo , Pieranica , Pieve d’Olmi , Pieve San Giacomo , Pizzighettone , Pozzaglio ed Uniti , Quintano , Ricengo , Ripalta Arpina , Ripalta Cremasca , Ripalta Guerina , Rivarolo del Re ed Uniti , Rivolta d’Adda , Robecco d’Oglio , Romanengo , Salvirola , San Bassano , San Daniele Po , San Giovanni in Croce , San Martino del Lago , Scandolara Ravara , Scandolara Ripa d’Oglio , Sergnano , Sesto ed Uniti , Solarolo Rainerio , Soncino , Soresina , Sospiro , Spinadesco , Spineda , Spino d’Adda , Stagno Lombardo , Ticengo , Torlino Vimercati , Tornata , Torre de’ Picenardi , Torricella del Pizzo , Trescore Cremasco , Trigolo , Vaiano Cremasco , Vailate , Vescovato , Volongo , Voltido

prezzi-amianto

Se vuoi essere contattato per posta elettronica compila il FORM in tutti i campi obbligatori contrassegnati da (*) , riceverai una risposta al più presto.

Il tuo nome (*)

La tua email (*)

Telefono (*)

Fax

Indirizzo immobile (*)

Località (*)

Seleziona la tipologia del lavoro da eseguire (selezioni multiple con il tasto CTRL) (*)

Oggetto (*)

Il tuo messaggio. Inserire le quantità/superfici per un preventivo più preciso (*)

Allegato

Digita i codici sotto riportati (*)
captcha

Informativa sulla Privacy*

Do il mio consenso al trattamento dei dati .

Cremona è una città con ancora una alta percentuale di coperture in amianto (eternit).

La bonifica di questo materiale dovrebbe avvenire entro il 15 Gennaio 2016 ma ad oggi i lavori di bonifica sono ancora in forte ritardo complice anche la crisi mondiale.

Gli incentivi governativi non sembra diano un grosso contributo, specialmente alle aziende, a risolvere questa problematica.

Però la copertura in amianto dopo circa 40 anni che è stata posata inizia a presentare grossi problemi di tenuta dalle infiltrazioni d’acqua ed inoltre lavori di manutenzione sui tetti provocano irreparabilmente rotture per camminamento delle stesse.

Quando una lastra di eternit presenta una rottura non vi è alcun modo di poterla rendere impermeabile se non con la sua sostituzione.

Eseguire sostituzioni parziali delle coperture di cemento amianto hanno dei costi elevati in quanto si devono attivare, in ogni caso, tutte le procedure e permessi verso gli organi competenti e precisamente:

  • Piano di lavoro presso la ASL competente.
  • Allestimento di misure di sicurezza contro le cadute dall’alto.
  • Noleggio di attrezzature atte alla movimentazione dei materiali da e verso la copertura.
  • Incapsulamento preventivo della superficie in cemento amianto oggetto dai lavori e per tutta l’area di capestio per evitare liberazione di fibre d’amianto nell’ambiente circostante.

I costi di queste prime procedure sono tali per cui non risulta conveniente economicamente sostituire parzialmente una copertura in cemento amianto.

Si deve quindi sempre optare per una bonifica dell’amianto risolutiva che vada ad eliminare completamente il manufatto.